Ho voluto trascrivere una parte dell’intervista all’ex capo consulente strategico della Casa Bianca, Steve Bannon, per cercare ci capire cosa stia succedendo nel Mondo. Premetto che non sono partigiano né della parte sinistra che appoggia la visione Globalista Totalitaria del NWO e né dalla parte destra che appoggia la visione degli Stati Indipendenti Nazionali Sovrani. Entrambi hanno delle evidenti imperfezioni, anche perché si basano su una struttura piramidale: pochi comandano molti. Ma a mio avviso il NWO è attualmente il pericolo maggiore per le nostre libertà individuali e il modo di vivere che vorremmo augurare al prossimo, ai nostri figli. Non ho una soluzione in tasca, ma mi sento in dovere di farvi leggere questa intervista tradotta letteralmente da me dall’audiovideo in italiano da Epoch Times Italia. Mi scuso per gli eventuali errori di grammatica dovuti a questa mia scelta di trascrizione veloce e fedele.

Ma ciò che conta è il contenuto che riguarda una tremenda battaglia in atto tra due poteri contrapposti di cui non sindacherò più di tanto il lato buono o malvagio, o se sono malvagi entrambi, ma darò a voi il modo di farvi un’idea..

Steve Bannon: “Vogliono tutti fare affari con il regime comunista cinese. Ricordiamoci, non ci sono cospirazioni, ma non ci sono nemmeno coincidenze.

Torniamo indietro nel tempo: la terza settimana di Gennaio 2017 ci sono due discorsi importanti, uno a Davos e uno a Washington DC, quest’ultimo è il discorso d’inaugurazione di Donald Trump, il 20 Gennaio 2017. Pochi giorni prima a Davos, al Forum Economico Mondiale, Xi Jinping và a tenere un discorso osannato da tutti i presenti, tutti gli uomini di Davos, tutti i consulenti di Mackenzie, Booz Allen, i migliori banchieri, i gestori di Hedge Fund, i banchieri commerciali, tutte le Star, tutta Hollywood, sono tutti a Davos per il week end invernale, per il Festival invernale, dove tutti si incontrano e parlano di come sarà il futuro.

Il raduno più elitario della Finanza Mondiale, della comunità politica, culturale esistente. Xi Jinping fa un discorso, dice che il progetto di globalizzazione è fantastico: “Sapete che noi ne siamo il caposaldo, voi altri siete tutti degli stati vassallo, farete più soldi che mai, ma c’è un problema: il nazionalismo populista. E’ un problema, ci sono le masse, non sono state preparate, non sono élite come voi”.

Tre giorni dopo, Donald Trump tiene il discorso sulla carneficina americana, cosa dice?

E’ una difesa del sistema della sovranità westfaliana, la difesa dello stato-nazione. Lo stato-nazione come unità, il quale in un mondo imperfetto, l’uomo possa avere la massima libertà possibile. Quindi abbiamo il progetto di globalizzazione e il progetto nazionalista.

Ora, prendi il Financial Times di Londra o l’Economist, prendi i migliori giornali del mondo in quella settimana: Xi è considerato un leader globale e un uomo di pace, un visionario che ha portato il mondo ad un buon punto in questo progetto di globalizzazione.

Ora, torniamo indietro: quando parlo di consulenti, parlo di banchieri e di gestori di Hedge Fund che si incontrano, vanno tutti a Davos, fanno tutti cose diverse ma operano tutti nello stesso business, cioè quello dell’informazione, che si tratti di fare trading, Mass-media o politica aziendale, sono tutti nel business dell’informazione. Questi sono i più intelligenti di tutti e hanno accesso a tutte le informazione nel mondo, così quando Xi è seduto lì ed è osannato come un eroe sulla copertina dell’Economist, la prima pagina del Financial Times, Il Times di Londra, il New York Times, ognuno delle persone che sono lì, sanno tutto, sanno degli Uiguri e dei campi di concentramento, sanno tutto dei cristiani perseguitati in Cina, sanno tutto del prelievo forzato di organi, tutti sanno della repressione della Chiesa Cattolica dissidente, tutti conoscono il Falun Hong Kong e sanno delle torture subite dai loro praticanti, la loro repressione, sanno tutto del movimento filo-democratico, sanno cosa sta succedendo ad Hong Kong. Loro sanno tutto, hanno informazioni perfette, sanno tutto ma non gliene frega niente.

Quello che la gente deve capire è che al progetto della globalizzazione non gli interessa niente di niente. Il cuore pulsante, il modello economico e questa non è una teoria della cospirazione.. è tutto di pubblico dominio.. il cuore del sistema della globalizzazione è la riduzione in schiavitù del popolo cinese: funziona solo così. Il modello funziona solo riducendo in schiavitù i cinesi perché rendendoli forza lavoro schiavizzata, sottopagata, che fa orari di lavoro incredibili con le fabbriche, permette di trasformare i lavoratori del mondo in servi della gleba. La più grande esportazione della Cina che vogliono dal loro modello di businnes è la deflazione, la sovracapacità produttiva elevata ad interesse statale. E’ un modo per tenere i prezzi al minimo, quindi per ottenere margini più alti, perché tenendo basso il costo del lavoro, esso viene esportato in tutto il mondo, facendo in modo che tutti i lavoratori del pianeta non ricevano aumenti di salari.

Il miracolo di Donald Trump è stato quello di essere riuscito ad aumentare realmente i salari agli operai, questo è il sistema che abbiamo.

Xi è sostenuto dalle élite mondiali e dice: “Questo è il sistema che abbiamo e chi si oppone sono i nazionalisti populisti in tutto il mondo”

E qual’è il più grande alleato in questa crociata, in questo sforzo? Sono i cinesi, perché capiscono che è la loro oppressione a far funzionare il sistema. Ed è la loro libertà che finirà per rompere il sistema.

Donald Trump rappresenta questo, ed è il motivo per cui rappresenta una minaccia per la globalizzazione. La gente dice che sono i dazi, si, ma questi sono tutti aspetti della questione, la parte fondamentale sono gli scenari che abbiamo visto in quei due discorsi. Sono due modi diametralmente opposti in cui organizzare il mondo. Uno si basa su centinaia di anni di libertà per quanto certamente imperfetta, l’altro è un regime totalitario, ecco dove siamo arrivati.

Tutte quelle persone dicono che stanno cercando di trasformare l’America con il socialismo, il comunismo, No!

Il PCC non è un’organizzazione comunista, è tutto falso! E’ una combinazione di capitalismo di stato e di dittatura. Questa combinazione che le élite occidentali tanto amano, dicono: “ Vedi, se solo potessimo essere la Cina per un giorno: risolveremmo il riscaldamento globale, le ingiustizie razziali”. A loro piace questo modello, ammirano Xi Jinping, sì, ammettono che ci sono dei problemi. L’altro giorno è uscita la notizia che Apple TV ferma un programma su Goucher, ma la vera storia è un’altra: le persone interne di Apple TV affermano,..: sono altre le serie Goucher che Tim Cook vuole fare. L’unica legge ferrea di Apple TV è che non si può in nessun caso criticare il Partito Comunista Cinese nell’apparato di regime cinese, e questo per me è un crimine.

Questi oligarchi tecnologici, della Silicon Valley sono in affari con loro, gli oligarchi di Waal Street sono in affari con loro, le multinazionali sono in affari con loro, sono soci in affari, questo è il legame da spezzare. Per questo sono di eroismo e di coraggio le persone che lavorano in Epoch Times ed altri che ne parlano ogni giorno, bisogna tenere costantemente sotto pressione il regime cinese. Questa è la battaglia del nostro tempo, questo è il punto. Ricorda: i mass-media non vogliono parlarne, perché dobbiamo dibattere sui brogli elettorali? Io ho parlato del piano di rubare le elezioni già da Giugno ad Agosto 2019, a causa del virus del PCC nel vostro documentario di Epoch TV di 8 o 9 mesi fa. Nessuno ne parla, l’unica ragione di questo fiasco dei voti per corrispondenza è il virus del PCC: la sola ragione per cui da Gennaio 2020 faccio un Tour Pandemic.

Quando Tony Fauci ha detto che non c’era pandemia, era un’influenza da qualche parte nella Cina centrale e io ho detto: “No, No, No, questo è il PCC!”

Questo è un evento importante, cambierà la storia e oggi siamo seduti qui con un bilancio della Federal Reserve completamente distrutto, un’economia schiacciata, un deficit di un trilione di dollari all’anno. Non abbiamo modo di riflettere su questo problema perché non abbiamo affrontato quello centrale: cioè il Partito Comunista Cinese. Sono quelli che hanno permesso inavvertitamente la fuoriuscita di un virus da un laboratorio di armi biologiche o che lo hanno diffuso come arma biologica. In ogni caso devono essere ritenuti responsabili, nessun governo occidentale si fa avanti e li considera responsabili, quindi questa è la grande lotta dei nostri tempi: una parte vincerà e l’altra perderà. Se il PCC continua ad accattivarsi la nostra élite, nel Regno Unito, nell’Eruropa Occidentale, negli Stati Uniti e dovesse conquistarla, alla fine vinceranno. Fermare questa infiltrazione, sarà il primo passo per distruggere il Partito Comunista Cinese.”

Il giornalista: “ Ora, la strategia del PCC, molti cinesi lo sanno, se hai fatto le scuole in Cina lo sai, per la maggior parte ti strangola con i tuoi stessi sistemi: è un’idea di una guerra senza limiti per manipolare la natura libera dei paesi stranieri: è quella di prendere il controllo delle infrastrutture, delle istituzioni e acquisire così il controllo di un paese. Come tu hai detto li trasforma in stati vassalli, se capiamo come funziona questa guerra e cosa significa diventare uno stato vassallo. Tu hai detto che la gente non pensa alle mire espansionistiche della Cina, ma questo non è vero, lo sappiamo, loro parlano direttamente del progetto cinese del 2049, delle loro ambizioni, della Cina 2025 e lo definiscono il sogno cinese. Ad esempio parlano di cosa significhi conquistare una nazione con il modello cinese come iniziativa del Modello della Via della Seta. Se ci pensiamo è interessante ed ho già parlato con alcuni colleghi cinesi e sai cosa mi dicono quando sentono nominare il globalismo? Sai a cosa pensano? Pensano all’Internazionale Comunista, perché mentre crescevano durante la Guerra Fredda, questa è la retorica che veniva inculcata. Quando vedono il Globalismo, loro vedono l’Internazionale Comunista, è la stessa identica cosa con un nome diverso.

Ora Steave, vorrei capire, come potremmo definire in questo caso l’assoggettamento di una nazione, la creazione di Stati-Vassallo senza l’utilizzo di mezzi militari?”

Bannon risponde: “Beh, lo vediamo proprio ora, lo stiamo vedendo, parliamo della massa continentale EuroAsiatica.. ricordate, tra di loro, alcuni sostengono di non essere geograficamente espansionisti. Beh, in realtà direi che per la prima volta, le tre grandi teorie della Geopolitica, dell’espansione, vengono inculcate nella strategia di base del PCC, hanno preso Mackinder, secondo cui chi controlla l’isola del mondo, in pratica la terra ferma EuroAsiatica (da lui definita Isola del Mondo), in particolare il centro di essa, controlla il Mondo. A secondo della strategia Mahn, che era quella dell’Impero Britannico negli Stati Uniti: il controllo dei punti di sbarramento navali, il controllo dei mari, in particolare dei blocchi navali. Così sarai in grado di controllare l’isola del Mondo, quindi il Mondo intero. La Terza strategia è quella di un certo Spykman, che ha detto: no, no, in realtà la chiave è la pianura intorno all’Asia, se riesci a controllarle e a costringere le persone ad andarsene, controlli sia l’interno, che la terra ferma e gli oceani.

Il Regime Cinese è l’unica potenza al Mondo che ha seguito tutte e tre le strategie insieme, dalla Via della Seta all’espansione navale del Gibuti, a tutti i diversi punti di strozzatura dello stretto di Malacca, tutto. Quello che stanno facendo per costringere tutto l’Occidente, gli Usa, l’Australia, tutti, ad allontanarsi dalla terra ferma, in particolare intorno al Mar Cinese meridionale, lo chiamano “loro mare territoriale”; costringono gli Stati Uniti a tornare a Wuhan. In Australia questi tizi si sono allontanati dall’area costiera del (non si capisce il nome)….., lo stanno facendo proprio ora, e i loro partner come la Corea del Nord, quelli minori come Pakistan, Iran, Turchia, Russia, attualmente la Turchia a volte non lo è o lo è, gli altri invece sono completamente intrappolati. Un controllo totale delle classi dirigenti, fa tutto parte del piano, in particolare il Mullah è il più pericoloso, ma ne fanno tutti parte. Stanno facendo tutto questo per controllare il territorio EuroAsiatico.

Ridotta all’essenza: la politica estera americana nell’Agosto del 1914, all’inizio della Prima Guerra Mondiale, è stata bipartisan. “Non permetteremo mai, né a una sola potenza, né ad una coalizione di potenze, di controllare la massa continentale EuroAsiatica”, perché è essenzialmente l’Isola del Mondo. Se si guarda a come dovrebbe essere realmente una mappa: l’emisfero occidentale, sono tutte isole intorno a questa massa terrestre.

Il giornalista: “Questa è la strategia su cui si basa la Russia di Putin

Bannon: “Sì, il Duginismo, è la stessa cosa.

Riguardo all’Asia Centrale: la Via della Setta, il Made in China 2025, il ruolo di Huawei: queste tre strategie convergenti sono state usate fondamentalmente per creare questi Stati Vassallo. Hai presente la Via della Seta? Si trattava solo di ottenere il denaro dal paese che chiedeva il prestito per costruire infrastrutture che avrebbero unito i mercati. Ricordati che la mira del PCC è la Cina a capo di tutte le industrie manifatturiere avanzate. Il Made in China 2025: si impadroniranno di dieci o quindici industrie, convergenza nella progettazione avanzata dei Chip, robotica, intelligenza artificiale, per non parlare della parte bioingegnieristica, ma anche questa è una parte importante per creare mercati, accesso alle materie prime, al commercio, e assicurarsi che questi paesi guadagnino abbastanza soldi per comprare le merci. Forse si produrrebbero anche alcune componenti in Europa Occidentale, ma in sostanza s’è integrati in un sistema.

Il Discorso di Xi-Jinping a Davos è questo: non abbiamo bisogno dello Stato-Nazione. Che tipo di Globalismo è? Una rete. La Cina sarà l’unica Nazione e il resto sarà solo una rete di unità geografiche ben definite.

Mentre il sistema della Westfalia in realtà è una comunità di Stati-Nazione Indipendenti, ed è per questo che siamo diametralmente opposti. Ma i cinesi e il Partito Comunista Cinese sono sulla buona strada: prima nel territorio EuroAsiatico, ed è qui se una Terza Guerra Mondiale..se ci spostiamo dalla guerra ad oltranza, in questo momento siamo in guerra aperta, sia mediatica che cibernetica, dell’informazione, di guerre economiche, chiaramente in una guerra politica. Questa non è una Guerra Fredda, sono Guerre Calde: passare ad un vero conflitto armato è una cosa che i cinesi non vogliono, perché mirano a sconfiggerti prima che ci arrivi. Sanno che l’Occidente è abbastanza capace nella produzione di armi e nel loro impiego di azioni combinate e sanno che i nostri soldati da migliaia di anni sono addestrati ad un certo tipo di mentalità militare. I cinesi non lo vogliono, ma se si arrivasse a questo, sarebbe in posti come il Mar Cinese Meridionale o il confine tra India, Tibet, Cina, che in questo momento sono le zone calde intorno al territorio Euroasiatico. Ecco perché siamo in un territorio molto, molto difficile: è come gli anni ‘30 del secolo scorso. Questo PCC non è diverso dal Fascismo o dai Nazisti di quegli anni. Luoghi come Hong Kong sono diventati davvero l’equivalente della Cecoslovacchia, è lì che l’Occidente traccia una linea. Se si permette alla gente libera, come quella di Hong Kong di essere sopraffatta da questo sistema, allora nessuno si opporrà più. Ricordate, la ragione per cui si ha una migrazione di cinesi in tutto il Mondo è perché il popolo cinese vuole la libertà. Per questo ho detto quelle cose sulle attuali elezioni (USA2020), lo hanno affermato gli ufficiali americani che hanno sostenuto Trump: è l’elezione più importante negli Stati Uniti dalla fondazione della Repubblica, ma è anche l’elezione più importante per 5.000 anni di storia cinese. Il Popolo Cinese è l’unica grande civiltà in cui non hanno mai avuto un solo giorno di libertà, forse solo durante Zhou Ying Zheng, o per qualche periodo durante la Repubblica, forse, ma per 5.000 anni c’è stato un asservimento di questo popolo che non ha mai avuto la libertà. Quello che vedete, quello che il PCC ha permesso che accadesse: la migrazione ovunque vadano, Canada, Stati Uniti, Australia, Taiwan ed Europa Occidentale, prosperano sempre. Guarda cosa ha fatto il popolo cinese lontano dalla sua patria…non è che vogliono lasciare la Cina, sono costretti ad abbandonarla perché in Occidente esistono le opportunità date dalle libertà, democrazia e stato di diritto. Ecco perché adesso assistiamo alla crescita di questa comunità, questa è la grande lotta. Il PCC non può permettere che questo accada, queste persone devono essere cacciate od eliminate, che si tratti del Falun Hong Kong, del Movimento per la Democrazia, o dei cristiani clandestini: devono essere eliminati o braccati in tutto il mondo, perché non possono permettere che vedano luoghi come Hong Kong e Taiwan prosperino. Esempio: “ Ehi, guarda Hong Kong, guarda cosa ha fatto al popolo cinese sopra ad uno scoglio! Ha costruito il terzo maggiore mercato mondiale dei capitali con la libertà e lo Stato di diritto”.

Il regime cinese non può permetterlo, è qui che si vede la debolezza. Per vedere la conquista dell’élite, guardate la debolezza di quanto è successo a Hong Kong: l’Occidente sarebbe dovuto restare unito, guidato apertamente dalla Gran Bretagna perché la Cina era un ex colonia britannica, in realtà hanno accettato un accordo che tutto il mondo ha sostenuto. Questo perché Margaret Thatcher e gli inglesi lo hanno negoziato…sono stati fatti a pezzi, sono stati gettati alla gente,ci hanno sputato sopra e hanno soppresso la gente di Hong Kong. Se vuoi capire il declino della Gran Bretagna, basta guardare quello che è successo ad Hong Kong: l’incapacità della G.B. di alzarsi in piedi.

Parlando degli Stati Uniti con Trump Presidente, penso che se si guarda al confronto complessivo con il PCC, la maggiore debolezza è stata il confronto con Hong Kong che avremmo dovuto avere, rimpiangeremo il giorno in cui nel 2019 non abbiamo fermato la repressione del popolo cinese bloccandola sul nascere, mandando un messaggio al Partito Comunista Cinese, non puoi sottomettere a tuo piacimento i cinesi liberi in tutto il mondo. Se Biden avesse successo nel furto elettorale.. la gente dovrebbe capire che stiamo passando 24 ore al giorno per impedire assolutamente a Biden, ai suoi e alla gente intorno a lui di contrastare il grande movimento che abbiamo creato e la resistenza al PCC attualmente in atto, questa è la minaccia che incombe.

Questo è quello che fra 100 anni la gente ricorderà, quello che ricorderanno del primo mandato del Presidente Trump, l’ho detto anche a lui..si ricorderà una sola cosa, non sarà l’Impeachment, non saranno tutte queste sciocchezze russe, non saranno il taglio delle tasse, ma sarà il fatto che è stata la prima persona che s’è alzata in piedi e da vero leader degli Stati Uniti ha affrontato il PCC.

Per quanto fosse imperfetto quello scontro..mi rendo conto delle imperfezioni, quello è stato un grande cambiamento e se ne parlerà tra un centinaio di anni. La gente e i suoi sostenitori dovrebbero capire che vinceremo, non c’è dubbio, vinceremo..perchè vinceremo? Perchè abbiamo il miglior alleato possibile in questa lotta: l’antico popolo cinese. Anch’io vengo da una famiglia di umili operai, nella mia famiglia sono tutti umili, sono solo ingranaggi di una ruota, ma sono ingranaggi felici nella ruota. E’ così che dovrebbe essere strutturata la nostra società, una società civile. L’antico popolo cinese, i lavoratori, le lavoratrici della Cina, sono il nostro più grande alleato per abbattere il Partito Totalitarista Cinese. In realtà è l’evento caratterizzante della prima metà del ventunesimo secolo, sarà la libertà del popolo cinese e sarà nel modo in cui la realizzerà; solo loro possono ottenere la propria libertà, noi siamo qui per aiutarli e se li aiutiamo, copriamo a loro le spalle in ogni aspetto di questo conflitto globale, il popolo riuscirà a rovesciare il Partito Comunista. Insedieranno il governo che vorranno, lo stato di diritto, la democrazia e tutto ciò che ha prosperato in Occidente.

Racconto alla gente di quando sono stato in Ohio ad assistere i discorsi del Presidente Trump..se vai in Ohio, in Michigan o in Pennsylvania, puoi iniziare a parlare della Cina e della deindustrializzazione dell’America, del PCC che sta lavorando con Wall Street per portare via le fabbriche, non c’è bisogno di dare molta spiegazione..la gente sa intuitivamente cosa sta per accadere..e rispondono, rispondono in modo molto forte e positivo a questo messaggio.

Se vai a New York o a Washington, la gente sembra stupita: “Ma di cosa stai parlando? Non sono i nostri partners? Non sono dei concorrenti strategici?” Questa è la nuova definizione: “strategici”…No!Non sono un nostro concorrente strategico, sono un nostro nemico, lo sono del loro stesso popolo e sopratutto del popolo degli USA. Questo è dimostrato dal virus del PCC, dalle loro azioni..sono una minaccia per tutta la società, si preoccupano solo del loro tornaconto, le persone di cui si occupano di meno sono il loro popolo. Ed è questa partnership cinese che sarà la loro distruzione. Le persone devono capire che stiamo vincendo, non voglio dire che succederà domani, ma stiamo vincendo..alla fine le genti cinesi saranno libere per mano propria e sarà un onore far parte del sostegno cinese nel suo sforzo.”

Il giornalista: “Steve, solo un’ultima domanda su questa battaglia di cui abbiamo parlato. Su Epoch Times abbiamo parlato di questa libertà contrapposta al socialismo, potresti anche definirla Bene contro Male, Tirannia contro Libertà, o in altri modi..come definiresti questa battaglia finale che il mondo osserva in questo momento e come si collega alle elezioni?”

Bannon risponde: “Penso che questo riguardasse la parte delle elezioni, perché questo virus del PCC ha dato la possibilità ai Democratici e alla Sinistra Progressista di rubare queste elezioni, ma questo, quando lo riassumi, è l’alleanza tra la libertà e coloro che vogliono respirane la purezza, con tutte le responsabilità e gli svantaggi che ne derivano rispetto ad un sistema totalitario che supporta uno dei peggiori elementi del capitalismo di stato, del peggior modello dittatoriale. Non c’è miglior rappresentazione che la diaspora del popolo cinese: dove tale popolo ha accesso alla Democrazia, alle libertà..prospera. Sono i migliori cittadini, sono orientati alla famiglia, lavorano sodo, sono orientati ai risultati, credono alla meritocrazia, sono tutto ciò che desideri in una Repubblica Democratica, in un paese di buoni cittadini. Si concentrano sulla loro famiglia, su come migliorare le cose per la propria comunità, quindi il modo in cui lo definisco è Bene e Male. Piuttosto, un modello, il Partito Comunista Cinese è marcio fino al midollo perché instilla tutti gli elementi peggiori contro i quali le persone amanti delle libertà hanno combattuto per millenni.

Il controllo assoluto e totale di una piccola parte dell’Elite che non concede alcun diritto a nessun altro e li guarda fondamentalmente come un’unità di produzione per ottenere i propri benefici. Questo è il motivo per cui queste elezioni sono le più importanti in 5.000 anni di storia cinese: è per questo che una civiltà grande come il popolo cinese non ha avuto un giorno di libertà in più di 5.000 anni, nessun’altra civiltà sulla terra è così. Ecco, direi che è assolutamente un crimine sconcertante..penso che questo non sia dovuto solo al PCC, come criminale maggiore, credo che lo siano stati anche i loro complici: i partners commerciali occidentali, loro avrebbero dovuto saperlo, è Wall Street. Ricorda, sono persone che non sanno quello che accade.

Ritorna alla logica della Conferenza di Davos o del Forum Economico Mondiale: questo incontro a Davos che rappresenta il sistema di tutto il Mondo, sono le persone più intelligenti in circolazione, hanno partecipato alle Università più prestigiose, le Ivy League, io sono andato alla Georgetown School Foreign Service e alla Harvard Business School, lavoro presso Goldman Sachs. Sono stato in quelle sale riunioni, vedo come pensano queste persone, so che hanno accesso alle informazioni, sanno quello che sta succedendo, lo sanno assolutamente!

Se posso, voglio dire l’ultima cosa su come andrà a finire..farò riferimento ad un film..c’è un film girato negli anni ‘80 con Kevin Costner e Sean Connery su Eliot Ness: Gli Intoccabili, parla dell’epoca dei Gangster di Chicago, degli anni ‘20 durante il Proibizionismo. Sean Connery interpretava un vecchio poliziotto irlandese, Kevin Costner era un giovane investigatore e stavano affrontando Al Capone, la peggiore mafia, mafia come il Partito Comunista Cinese, a Chicago negli anni ‘20, Sean Connery si rivolge a Eliot Ness e gli dice: “ Tutti sanno dov’è il whisky, tutti sanno dove sono le distillerie, tutti sanno dove lo producono.. non è che non sappiamo dove sia.. abbiamo la volontà politica di attraversare la strada, prendere un ascia, abbattere la porta ed arrestarli? E’ l’unica cosa che abbiamo.”

Ci sono tante cose che ci trattengono, se avremo il coraggio politico di farlo, finirà così, questa è essenzialmente la situazione in cui ci troviamo oggi. Tutti sulla Terra sanno cosa sia il PCC, tutti sulla Terra e anche nella Nazioni Musulmane che sono tutte loro partners, sanno che cosa hanno fatto ad alcune minoranze nei campi di concentramento, tutti sanno che cosa hanno fatto con il prelievo di organi, tutti sanno che cosa hanno fatto alle Chiese clandestine cristiane, tutti sanno della repressione come hanno sottolineato i Cardinali: cioè il Vaticano è in combutta con la repressione della Chiesa Cattolica clandestina, tutti conoscono le torture e la persecuzione contro i praticanti del Falun Gong, tutti sanno che cosa hanno fatto al Movimento Per la Democrazia, tutti sanno che vanno in tutto il Mondo alla caccia dei cinesi liberi e influenti, opponendosi a loro in tutto il Mondo. Ogni Elite, ogni giornale, ogni programma televisivo, CNN, MCNBC, il New York Times, il Washington Post, il Times di Londra, il Financial Times, L’Economist, lo sanno tuttti!!

Non è questione d’informazione..: “oh nooo! Non lo sapevo, non lo sapevo..”

Lo sanno tutti! Wall Street lo sà! Le Corporations lo sanno!E s’inchinano! Loro lo sanno!

L’unica domanda è se abbiamo la volontà politica di fermarli..ma verrà dal movimento popolare, dai cosiddetti Deplorevoli, dall’antico popolo cinese, dalla gente comune. Alla fine quando quei gruppi ne avranno le tasche piene e diranno BASTA!.. allora ci saranno cambiamenti drammatici, sarà la caduta del Partito Comunista Cinese e il riconoscimento delle responsabilità: di tutti, di quelli che sono stati i loro partners, e di tutti quelli che hanno fatto soldi con loro, di tutti quelli che hanno rubato la ricchezza sottratta al popolo cinese. Il giorno della resa dei conti sta arrivando, quello della responsabilità arriverà il giorno dopo. Le persone dovrebbero capire che stiamo vincendo, a volte il cielo è blu e a volte è grigio, ma stiamo vincendo perché questa è una lotta. Sai..sono un grande credente, sono un combattente da strada, ma ho creduto sempre nelle lotte che contano..e questa non è solo una lotta che conta, questa è forse l’unica battaglia che conta se le riconosci una tale importanza, quindi sono onorato di poterlo fare ogni giorno della mia vita.”

Potete guardare l’intera intervista a questo link:

 314 total views,  2 views today

Please follow and like us:
AndLeo
cinoleo@gmail.com
Io sono un uomo libero, quali che siano le regole che mi circondano. Se le trovo tollerabili, le tollero; se le trovo fastidiose, le rompo. Sono libero perché so che io solo sono responsabile di tutto ciò che faccio. (Robert A. Heinlein)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *