Video-intervista tra Robert F.Kennedy Jr, Rocco Galati e i Dottori David Martin e Judy Mickovits PHD.

Il Dr. David Martin si rivolge a Rocco Galati dicendo che sono tutti d’accordo sul fatto che il vaccino per il covid-19 non si può definire tale: “Usiamo il termine vaccino per infilare questa materia tra le eccezioni di salute pubblica, questo non è un vaccino. Questo è mRNA avvolto in un involucro di grasso che entra nella cellula, è un dispositivo medico progettato per stimolare una cellula umana, per iniziare a produrre un agente patogeno, non è un vaccino.

I vaccini sono in realtà un termine legalmente definito nelle leggi sulla salute pubblica, secondo gli standard di CDC e FDA, in particolare, il vaccino deve stimolare sia l’immunità della persona che lo riceve ma deve anche interrompere la trasmissione, e questo vaccino non lo fa.

Ci dicono chiaramente che il ceppo di mRNA che viaggia verso una cellula non impedisce la trasmissione del virus, è una cura. Ma se fosse indicato come trattamento, le autorità sanitarie pubbliche non sarebbero così disposte ad accettarlo, perché allora le persone si chiederebbero: quali altri trattamenti ci sono?

L’uso del termine vaccino è esagerato sia all’interno della definizione giuridica di vaccino, ma anche perché sopprime il dibattito aperto e libero, etichettandolo come un vaccino lo inscatoli come qualcosa a favore o contro. Ma se ne parli come di un trattamento, e ricorda, Moderna ha iniziato con la chemioterapia per il cancro, non come produttori di vaccini per la Sars. Se dicessimo che avremo somministrato alle persone una chemioterapia preventiva per il cancro che non hanno, ti deriderebbero, perché è un’idea stupida. Ed è esattamente questo, si tratta di un dispositivo meccanico sotto forma di un piccolo pacchetto tecnologico che viene iniettato nel sistema umano per attivare una cellula ed iniziare a produrre un agente patogeno. E mi rifiuto di dire in qualsiasi conversazione che questa è una questione di vaccino.

L’unico motivo per cui usano quel termine è per abusare del caso Jacobson del 1905, che è stato distorto da quando è stato scritto. Se fossimo onesti, lo chiameremmo per quello che è, cioè un dispositivo per un agente patogeno chimico che dovrebbe indurre l’attività di produzione di un agente patogeno chimico nella cellula, è un dispositivo medico, non è un medicinale. Soddisfa la definizione di CRH di dispositivo, non è un sistema vivente, non è un sistema biologico, ma una tecnologia fisica che ha solo le dimensioni di un pacchetto molecolare. Dobbiamo essere molto chiari, non cadere nel loro gioco, cioè parlarne come un vaccino. Allora ci impantaniamo su una conversazione di un vaccino, ma secondo la loro stessa confessione, non è un vaccino.

Deve essere chiaro a tutti gli ascoltatori (e lettori), che non cadremo in questa definizione errata, così come non cadremo nella loro chimica-industriale definizione di salute. Entrambi sono funzionalmente errati e violano il costrutto legale di cui si sta abusando”

Galati poi si rivolge a Judy: “Da scienziata potresti dirlo in parole semplici, come ad un ragazzo di campagna? David la tua definizione è fantastica e la prendo, ma per quelle persone che potrebbero non essere in grado di capirla e non intendo come un insulto David”.

Dr. Martin risponde: “Certo, è frustrante sentire attivisti, avvocati e altri dire: combatteremo il vaccino. Se dici che è un vaccino, hai già perso la battaglia! Non è un vaccino.”

Galati: “E come dobbiamo chiamarlo, sostanza chimica?”

Dr.ssa Judy Mickovits: “Si, è un agente patogeno sintetico, usano letteralmente la parte patogena del virus e la iniettano nel corpo.”

Galati: “Quando dici, il patogeno, immagino che mi farà stare male.”

Dr.ssa Judy Mickovits: “Esatto! E’ progettato per farti star male!”

Dr. Martin: “ Rocco, ricorda che l’80% delle persone che sarebbero esposte al presunto Sarscov2, non si lascia coinvolgere in quella tana del coniglio. Ma l’80% delle persone che sarebbero esposte al virus Sarscov2, non hanno sintomi, sono chiamati vettori asintomatici. L’80% delle persone che si lasciano iniettare, ha un effetto clinico negativo. Ti viene fatta un’iniezione con una sostanza chimica che dovrebbe causare malattie, non per provocare una risposta di trasmissione immunitaria, in altre parole, non ti impedisce di trasmettere nulla. Si tratta di farti ammalare e rendere le tue cellule causa di ciò che ti fa ammalare.”

Galati: “Quindi innesca una risposta autoimmune?”

Dr.ssa Judy Mickovits: “Sì, tra molte altre cose, può causare direttamente la Sclerosi Multipla, il Morbo di Lou Gehrig (SLA), l’Alzheimer, e sarà causato azione espressione di quell’involucro patogeno. Può causare un Cancro accelerato e si tratta di azione espressione di quel pezzo di virus, questo meccanismo è noto da decenni.”

Fonte: Apri la tua mente, link di seguito

https://rumble.com/vcnnag-il-vaccino-covid-19-non-un-vaccino.html

Chi è il Dr. David Martin:

Il suo lavoro è stato oggetto di due documentari premiati a livello internazionale, Patent Wars che evidenzia il suo lavoro sulla riforma del sistema di innovazione globale e Future Dreaming: A Conversation with David Martin, che è un dialogo sull’umanità e la sua interazione ottimale nell’universo.   Ha parlato all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sulle iniziative di pace guidate dai cittadini ed è apparso sulla televisione Bloomberg e Last Week Tonight della HBO con John Oliver .   

Oratore, autore, dirigente d’azienda e futurista, il lavoro del Dr. Martin è stato impegnato in ogni paese della Terra.   Lavora con la sua famiglia in ogni impresa della vita.   Insieme a sua moglie Kim, dirige i seminari di Breathing Enterprise e facilita l’implementazione di Integral Accounting.   Il dottor Martin ha conseguito la laurea (BA) presso il Goshen College, il Master in Scienze presso la Ball State University e il dottorato (PhD) presso l’Università della Virginia.

 2,031 total views,  2 views today

Please follow and like us:
AndLeo
cinoleo@gmail.com
Io sono un uomo libero, quali che siano le regole che mi circondano. Se le trovo tollerabili, le tollero; se le trovo fastidiose, le rompo. Sono libero perché so che io solo sono responsabile di tutto ciò che faccio. (Robert A. Heinlein)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *