Ieri sera, 01/05/2021 ad Ostia, in strada, Gaetano Rotondo, Presidente dell’Associazione Liberi Pensatori insieme ad altri amici sono stati circondati dalle Forze dell’Ordine senza apparente motivazione. Il video ripreso dal telefono di Gaetano mostra lo stato di conflitto interiore dei fratelli delle Forze dell’Ordine che devono obbedire ad uno Stato Dittatoriale. Gli uomini in divisa capiscono quello che sta accadendo ma non hanno la forza e il coraggio di guardare negli occhi i loro fratelli che si mobilitano e manifestano per la libertà di tutti, compresa la loro. E così che il Presidente dell’Associazione Liberi Pensatori cerca di smuovere con un discorso la coscienza ed il cuore di altri esseri umani dall’altra parte della ragione..

Gaetano si rivolge a loro umanamente ricordando che alcuni loro colleghi sono morti dopo aver effettuato la sperimentazione genica chiamata impropriamente “vaccino anticovid-19”:

“Non capisco perché dopo più di un anno le forze dell’ordine sono contro i cittadini liberi, hanno giurato fedeltà alla Costituzione Italiana, io sono un cuoco che ha perso il posto di lavoro l’anno scorso e non l’ho ritrovato più. Come a Milano le Forze dell’Ordine non ci guardano negli occhi. Perchè non ci guardate negli occhi?! Perchè?! Sapete che ci dobbiamo unire ed alcuni vostri colleghi stanno morendo con il siero sperimentale. Ci dobbiamo unire, si sono uniti gli infermieri, si sono uniti i medici, si sono uniti gli avvocati, mancate solo voi…anche voi siete il Popolo e ci siete contro da più di un anno.. fra poco toccheranno anche voi.. Cazzo!

Lo sapete, ci toccheranno tutti, ci dobbiamo unire, avete una famiglia, io potrei essere vostro figlio. Ma vi rendete conto di quello che ci stanno facendo?! Voi dovete proteggere il Popolo, dovete proteggere la Costituzione e invece ci accerchiate..perchè?! Perchè anche a Milano i vostri colleghi non mi guardano negli occhi quando faccio questi discorsi?!

Tu sei un grande! Mi hai appena guardato negli occhi, per motivi di privacy farò vedere solo mezzo busto, non posso inquadrarti integralmente, tu sei del popolo, hai avuto il coraggio di guardarmi negli occhi. Signori, loro lo sanno, sotto quella divisa hanno un cuore, sanno cosa sta succedendo, tu lo sai!?..tu potresti essere mio fratello, ci dobbiamo unire, lo sapete, siete le Forze dell’Ordine, non siete stupidi!”

In strada ci sono anche bambini, uno di loro si avvicina e parla: “Stanno facendo un sequestro di persona! E poi scusate, mettete il coprifuoco, mica siete mia madre! Lo prenderai te il covid che ti metti la mascherina, non io!”

A detta di Gaetano comunque le Forze dell’Ordine sono tranquille, non vogliono caricare: “Noi stiamo dimostrando che vogliamo vivere, stiamo riprendendo possesso delle nostre libertà, della nostra vita, siamo protetti dalla Costituzione. Prendete atto di tutto questo, abbiate coraggio anche voi, pian piano arriveranno anche loro dalla nostra parte..

E’ stato un video-testimonianza quello del Presidente dell’Associazione Liberi Pensatori, del conflitto esistente tra le coscienze militari, tra loro ed il popolo italiano tutelato, garantito dalla Costituzione Italiana, violentata e stuprata continuamente dai trattati internazionali e da un’epidemia che nei numeri non giustifica il coprifuoco e la privazione delle libertà individuali di tutti. Non giustifica la chiusura dei locali, le zone colorate e la dichiarazione di morte a migliaia di partite IVA e di lavoratori. In tutto questo brilla il coraggio ingenuo di una bambina che naturalmente non ci sta ad accettare una Dittatura Sanitaria, i bambini sono quelli che stanno soffrendo di più in questa follia di terrore e panico quotidiano alimentato dai media e dai medici di regime.

Andrea Leone, 02/05/2021

Vedi video testimonianza come fonte:

 122 total views,  2 views today

Please follow and like us:
AndLeo
cinoleo@gmail.com
Io sono un uomo libero, quali che siano le regole che mi circondano. Se le trovo tollerabili, le tollero; se le trovo fastidiose, le rompo. Sono libero perché so che io solo sono responsabile di tutto ciò che faccio. (Robert A. Heinlein)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *