Riportiamo importante intervista del 10/01/2019 di Radio Popolare ripresa dal canale SocialTV al Presidente di Codacons Carlo Rienzi, che nel dibattito vaccinale è molto utile per comprendere i meccanismi politici ed economici in essere.

Secondo i documenti riportati da Codacons, una delle principali case farmaceutiche, la GlaxoSmithKline ha dato milioni di euro a politici ed a medici italiani.

La Lorenzin ha brindato insieme al Dott.Guerra con i dirigenti di tale azienda farmaceutica promettendo che l’Italia sarebbe stata all’avanguardia nella battaglia dei vaccini.

La Glaxo ha dato 11 milioni di euro a istituzioni italiane e medici nel 2015, oltre 13 milioni nel 2016, quasi 15 milioni nel 2017.

Tra le istituzioni che hanno ricevuto soldi, compare l’Istituto Superiore della Sanità. Ricciardi ha querelato Carlo Rienzi, sostenendo di non aver ricevuto un euro, ma il Gip ha assolto Codacons ammettendo la veridicità su quanto scritto nel documento che voleva distribuire. Caso vuole, Ricciardi s’è dimesso dall’ Istituto Superiore della Sanità.

La Merz Pharma Italia ha dato 750mila Euro alla Federazione Italiana dei Medici di Famiglia. La Pfizer ha dato 94mila euro alla Federazione Italiana dei Medici Pediatri, quelli che curano i nostri bambini, a cui chiediamo qual’è il farmaco migliore da assumere. Altri 64mila dalla Gsk Pharma, Sanofi alla Società Italiana di Pediatri.

E’ uno scandalo incredibile dice Carlo Rienzi, in cui l‘ANAC (L’Autorità Nazionale Anti-Corruzione) non fa nulla!

La domanda nasce spontanea: perchè un produttore di farmaci dovrebbe dare soldi ai medici?

La risposta è evidente, perchè si può prescrivere un farmaco con brevetto anzichè un’altro generico che costa meno, si può pubblicare una ricerca che pubblica certi dati o si decide cosa non si può pubblicare, si può partecipare a dei convegni utilizzando il proprio ruolo che si ricopre nelle Istituzioni per accreditare quell’azienda farmaceutica. Secondo uno studio internazionale, il 30/40% delle collaborazioni tra medici e case farmaceutiche non vengono rese pubbliche da parte del medico.

Nell’intervista si menziona lo scandalo dell’OMS sull’influenza H1N1 del 2009 dove si scoprì delle due commissioni che avevano allarmato più del dovuto sulla pericolosità epidemica, venivano finanziate dalle case farmaceutiche di farmaci e vaccini. Tale influenza fece meno vittime di altre stagionali e in questo scandalo molti medici appartenenti a quelle commissioni dovettero dimettersi. Furono buttati milioni di vaccini.

Nell’elenco dei medici e delle strutture ospedaliere che hanno ricevuto soldi dalla GlaxoSmithKline , spiccano i nomi televisivi del Prof. Giorgio Palù , del Prof. Massimo Galli dell’Ospedale Sacco di Milano, del Dott. Pasquale Macrì, del Prof. Pierluigi LoPalco, del Prof. Walter Ricciardi.

E’ bene ricordare che tale intervista fu rilasciata a Gennaio 2019, sappiamo tutti com’è andata in seguito, tra Covid-19, OMS, vaccini sperimentati alla velocità della luce e la gara tra case farmaceutiche in atto.

Vi preghiamo di ascoltare l’intervista e di leggervi l’elenco dei medici italiani e delle strutture a libro paga di Big Pharma.

https://www.youtube.com/watch?v=P-MNhKnaQRE

 7,188 total views,  2 views today

Please follow and like us:
AndLeo
cinoleo@gmail.com
Io sono un uomo libero, quali che siano le regole che mi circondano. Se le trovo tollerabili, le tollero; se le trovo fastidiose, le rompo. Sono libero perché so che io solo sono responsabile di tutto ciò che faccio. (Robert A. Heinlein)

6 thoughts on “Multinazionali che pagano medici italiani! Eccovi l’elenco..

  1. Sono fiera che ci sono persone, è professionisti che combattono facendo uscire fuori la verità, mettendoci la propria faccia e che non si fanno comprare dal Dio denaro come fanno tanti altri medici corrotti.

  2. Siamo in balia delle onde senza nessuna guida al timone, cioè il, anzi di nostromi ne abbiamo tanti, ma ognuno di loro segue soltanto la sua rotta per raggiungere il loro benessere, e noi che facciamo? Parliamo, parliamo, perché solo quello siamo in grado di fare. Auguri a tutti noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *